fbpx

Perché il mio pane non lievita bene? Ecco i 5 motivi!

Giu 22, 2023 | Approfondimenti | 0 commenti

I motivi per cui il pane non lievita possono essere diversi. Ecco cinque fattori comuni che possono influire sulla lievitazione del pane:

  • 1) Problemi di lievito: Il lievito è responsabile del processo di fermentazione che fa lievitare il pane. Se il vostro lievito è vecchio, potrebbe non essere abbastanza attivo per far lievitare correttamente il pane. Inoltre, anche l’uso di acqua troppo calda o troppo fredda può influire sull’attività del lievito.
  • 2) Impastare in modo poco efficace: un corretto impastamento aiuta a sviluppare il glutine nell’impasto, che fornisce la struttura e permette al pane di lievitare. Se non si lavora l’impasto in modo adeguato, potrebbe mancare l’elasticità necessaria a trattenere il gas prodotto dal lievito. Impastare aiuta anche a distribuire uniformemente il lievito nell’impasto.
  • 3) Eccessiva o insufficiente lievitazione: la lievitazione è il processo con cui si lascia lievitare l’impasto dopo averlo modellato. La lievitazione eccessiva si verifica quando l’impasto viene lasciato lievitare troppo a lungo, facendo sì che il lievito esaurisca le sue scorte di cibo e perda il suo potere lievitante. La sottoproduzione, invece, si verifica quando l’impasto non ha avuto abbastanza tempo per lievitare correttamente. Entrambi gli scenari possono portare a una scarsa lievitazione.
  • 4) Rapporti errati: le ricette del pane richiedono un equilibrio preciso tra gli ingredienti, in particolare tra farina, acqua, lievito e sale. L’uso di misure imprecise o l’alterazione dei rapporti può alterare la consistenza dell’impasto e ostacolare la corretta lievitazione. Seguite attentamente la ricetta e, quando possibile, utilizzate una bilancia da cucina per effettuare misurazioni accurate.
  • 5) Fattori ambientali: anche l’ambiente in cui si prepara il pane può influenzare la sua lievitazione. Il lievito è sensibile alla temperatura e se l’ambiente è troppo freddo, il processo di fermentazione può rallentare o addirittura fermarsi. Al contrario, se fa troppo caldo, il lievito può diventare troppo attivo, facendo lievitare l’impasto troppo velocemente e poi collassare. Per una lievitazione ottimale, puntate su un ambiente caldo e privo di correnti d’aria, con una temperatura di circa 22°C.

Tenendo conto di questi fattori e apportando le dovute modifiche, è possibile aumentare le probabilità di ottenere una pagnotta ben lievitata. Ricordate che ci si migliora praticando, quindi non scoraggiatevi se i primi tentativi non sono esattamente come previsti.

 

Vuoi imparare di più sulla panificazione e preparare pagnotte superlative?
Ho per te un corso gratuito speciale che svolterà il tuo approccio alla panificazione!

VAI AL CORSO GRATUITO

Martino Beria

Martino Beria

Chef

Martino Beria è chef, lievitista, innovatore di gastronomia, specializzato in cucina vegetale, lievito madre e fermentazioni. È laureato in Scienze e Cultura della Gastronomia e della Ristorazione presso l’Università di Padova, dove ha insegnato Progettazione del Cibo.