fbpx

Perché la pizza si chiama così?

Giu 30, 2023 | Approfondimenti | 0 commenti

La parola “pizza” ha origini italiane ed è stata utilizzata per la prima volta nel 997 d.C. in un documento di Gaeta, una città situata nella regione del Lazio, in Italia. Tuttavia, la storia della pizza risale molto più indietro nel tempo.

La pizza, intesa come piatto a base di pane con condimenti, ha radici antiche. L’uso di pane piatto condito con vari ingredienti è stato comune in molte culture fin dall’antichità. Ad esempio, gli antichi greci preparavano una sorta di pane piatto condito chiamato “plakous”, mentre gli antichi egizi avevano una pietanza simile chiamata “atsm”. Queste preparazioni erano lontane precursori della moderna pizza.

Tuttavia, il concetto di pizza come lo conosciamo oggi si è sviluppato e ha preso forma in Italia, soprattutto nella città di Napoli. A Napoli, nel XVIII secolo, sono nate le prime pizzerie come luoghi in cui si poteva gustare questo piatto. La pizza napoletana tradizionale era caratterizzata da una base di pane piatto condito con pomodoro, mozzarella di bufala, olio d’oliva e basilico, creando quella che oggi è conosciuta come “pizza margherita”.

La parola “pizza” stessa potrebbe derivare dal termine latino “pinsa”, che significa “schiacciato” o “spianato”. Questo termine era utilizzato per descrivere il pane piatto condito che costituiva il primo concetto di pizza. Nel corso del tempo, il termine “pinsa” potrebbe essersi evoluto in “pizza”.

La popolarità della pizza è cresciuta rapidamente nel corso dei secoli, sia in Italia che all’estero. Durante l’era delle migrazioni italiane verso il Nuovo Mondo, la pizza è stata introdotta in America, dove ha trovato terreno fertile e si è ulteriormente diffusa. Negli Stati Uniti, soprattutto a New York, si è sviluppata una propria tradizione di pizza, con la famosa pizza “New York-style”.

Oggi, la pizza è uno dei piatti più diffusi e apprezzati al mondo, con innumerevoli varianti regionali e internazionali. La parola “pizza” è diventata universale e viene utilizzata in molte lingue per descrivere questo delizioso piatto.

Un po’ di storia della pizza

La storia della pizza è un viaggio affascinante che abbraccia millenni di cultura e tradizione. Risalente all’antica Mesopotamia, la pizza ha attraversato epoche e continenti, evolvendosi fino a diventare uno dei piatti più amati e popolari al mondo.

Le origini più remote della pizza risalgono all’antico Egitto, dove si trovano tracce di pani piatti cotti su pietre calde. Tuttavia, è nell’antica Grecia che possiamo trovare le prime tracce documentate di una preparazione simile alla moderna pizza. I Greci cucinavano focacce piatte chiamate “plakous” che venivano condite con olio d’oliva, spezie e formaggio.

Successivamente, i Romani adottarono questa tradizione culinaria e crearono la loro versione di pane piatto condito chiamata “picea”. Questa focaccia veniva arricchita con vari ingredienti, come formaggio, olio d’oliva e miele. I Romani avevano anche una varietà di pane piatto chiamato “panis focacius”, che veniva farcito con vari ingredienti, tra cui olive, formaggio e erbe aromatiche.

Tuttavia, è nella città di Napoli, in Italia, che la pizza come la conosciamo oggi ha preso forma. Nel XVIII secolo, le strade di Napoli erano piene di pizzerie dove venivano servite le prime pizze. La pizza napoletana tradizionale era caratterizzata da una base di pane piatto condito con pomodoro, mozzarella di bufala, olio d’oliva e basilico, creando quella che oggi è conosciuta come “pizza margherita”. La pizza era un pasto economico e saporito, amata da persone di tutte le classi sociali.

Nel corso dell’Ottocento, la pizza si diffuse oltre Napoli, raggiungendo altre città italiane e migrando anche all’estero con gli emigranti italiani. Negli Stati Uniti, la pizza ha fatto la sua comparsa alla fine del XIX secolo, portata dagli immigrati italiani. La prima pizzeria americana, Lombardi’s, è stata aperta a New York nel 1905 e ha contribuito a diffondere la cultura della pizza nel paese.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la pizza divenne ancora più popolare tra i soldati americani che si trovavano in Italia. Tornati a casa, diffusero l’amore per la pizza in tutto il paese. Negli anni ’50 e ’60, la pizza divenne una delle pietanze più amate dagli americani, con l’apertura di catene di pizzerie in tutto il territorio nazionale.

Negli ultimi decenni, la pizza ha continuato ad evolversi e ad adattarsi ai gusti e alle preferenze dei consumatori. Sono state create nuove varianti di pizza, come la pizza al taglio (pizza al trancio) e la pizza gourmet con ingredienti di alta qualità e combinazioni insolite.

Oggi, la pizza è diffusa in tutto il mondo, con innumerevoli varianti regionali e internazionali. Ogni cultura ha contribuito a plasm

are la pizza secondo i propri gusti e tradizioni culinarie. Dalla pizza napoletana alla pizza americana, dalla pizza al curry in India alla pizza con ingredienti esotici in Giappone, la pizza è diventata un piatto universale amato da milioni di persone.

La storia della pizza è una testimonianza della sua capacità di adattarsi e trasformarsi nel corso del tempo, rimanendo sempre un simbolo di convivialità, semplicità e buon cibo. La pizza è diventata un’icona della cultura gastronomica italiana e ha conquistato il palato di persone di tutto il mondo, rimanendo uno dei piatti più amati e apprezzati della cucina internazionale.

 

 

 

Vuoi imparare di più a preparare pizze classiche, tonde, in teglia e in pala, sia con lievito di birra che lievito madre?
Ho per te un corso gratuito speciale che svolterà il tuo approccio alla produzione della pizza!

VAI AL CORSO SULLA PIZZA E LA PIZZA GOURMET

Martino Beria

Martino Beria

Chef

Martino Beria è chef, lievitista, innovatore di gastronomia, specializzato in cucina vegetale, lievito madre e fermentazioni. È laureato in Scienze e Cultura della Gastronomia e della Ristorazione presso l’Università di Padova, dove ha insegnato Progettazione del Cibo.