fbpx

Quando nasce la panificazione?

Giu 22, 2023 | Approfondimenti | 0 commenti

La panificazione ha origini antichissime e risale a migliaia di anni fa. Fin dai tempi più remoti, l’uomo ha cercato di sfruttare i cereali coltivati per ottenere cibi più nutrienti e duraturi. L’uso del grano e la pratica di fare pane hanno avuto inizio con la nascita dell’agricoltura e la coltivazione dei cereali, un importante passo avanti nella storia dell’umanità.

La transizione dall’essere cacciatori-raccoglitori a coltivatori di piante ha permesso alle popolazioni antiche di stabilirsi in insediamenti stabili e dedicarsi alla produzione di cibo. Inizialmente, l’uomo imparò a selezionare i semi migliori per la semina e a coltivare le piante. Con il passare del tempo, gli esseri umani scoprirono che i chicchi di grano, quando macinati, potevano essere trasformati in farina, una sostanza versatile utilizzata per la preparazione di diversi alimenti, tra cui il pane.

L’arte di fare il pane ha avuto origine in diverse parti del mondo, quasi contemporaneamente, poiché le popolazioni umane in varie regioni svilupparono indipendentemente tecniche di coltivazione dei cereali. Ad esempio, nel Medio Oriente, l’area considerata il “Cradle of Civilization”, la produzione di pane risale a circa 10.000 anni fa. In Mesopotamia, gli antichi Sumeri e Babilonesi erano noti per la coltivazione di grano e la produzione di pane. I primi documenti scritti che attestano la pratica della panificazione risalgono all’antica città di Uruk, dove venivano registrate ricette e metodi di panificazione.

In Egitto, l’arte della panificazione era altamente sviluppata già nel periodo dell’Antico Regno, circa 4.000 anni fa. I faraoni e la nobiltà egiziana erano particolarmente attenti alla produzione del pane, considerandolo un alimento sacro e vitale. I panettieri egizi avevano un ruolo importante nella società e venivano addestrati a conoscere i segreti della panificazione e a svolgere il loro lavoro con grande precisione.

In Grecia e nell’antica Roma, il pane era una parte essenziale della dieta quotidiana. I romani, in particolare, avevano una grande varietà di pane e tecniche di panificazione raffinate. Il pane romano era famoso per la sua qualità e veniva consumato in grandi quantità, sia dalla popolazione che dai soldati romani durante le loro campagne militari.

Durante l’epoca medievale, la panificazione si sviluppò ulteriormente in Europa. Le tecniche di produzione del pane divennero più complesse e vennero introdotte nuove varietà di pane. I monasteri europei svolsero un ruolo fondamentale nella preservazione delle conoscenze e delle tecniche di panificazione, nonché nella diffusione di queste pratiche nella società. I monaci divennero esperti panettieri e le ricette e le tecniche vennero tramandate di generazione in generazione.

Con l’avvento dell’industrializzazione e della modernizzazione, la panificazione ha subito cambiamenti significativi. La macinazione meccanica dei cereali, l’uso di lievito commerciale e la produzione su larga scala hanno reso il pane più accessibile e disponibile a un pubblico più ampio.

Oggi, la panificazione continua ad essere un’arte che unisce tradizione e innovazione. Gli appassionati di panificazione sperimentano con nuovi ingredienti, tecniche di fermentazione e stili di pane provenienti da tutto il mondo. La panificazione artigianale è tornata in auge, con un ritorno all’uso di lievito naturale, farine integrali e processi di lievitazione più lunghi per ottenere pane di alta qualità e gusto unico.

In conclusione, la panificazione è una pratica millenaria che ha radici profonde nella storia dell’umanità. È stata un elemento fondamentale della nostra alimentazione per secoli, offrendo un alimento nutriente, delizioso e versatile. La panificazione continua a evolversi, mantenendo il suo fascino e la sua importanza nella cultura e nella gastronomia di ogni paese.

Martino Beria

Martino Beria

Chef

Martino Beria è chef, lievitista, innovatore di gastronomia, specializzato in cucina vegetale, lievito madre e fermentazioni. È laureato in Scienze e Cultura della Gastronomia e della Ristorazione presso l’Università di Padova, dove ha insegnato Progettazione del Cibo.