fbpx

Come fare i formaggi vegani

Giu 22, 2023 | Approfondimenti | 0 commenti

Per fare i formaggi vegani, è possibile utilizzare una varietà di ingredienti a base vegetale che possono sostituire i latticini tradizionali. La preparazione dei formaggi vegani richiede un po’ di pratica e pazienza, ma i risultati possono essere sorprendenti. Ecco una guida dettagliata su come fare i formaggi vegani:

  1. Scelta della base:
    • Latte vegetale: Scegli un latte vegetale come base per il formaggio vegano. Puoi utilizzare latte di mandorla, di soia, di cocco, di avena o di riso. Assicurati di scegliere un latte non dolcificato per evitare che influenzi il sapore del formaggio.
  2. Coagulante:
    • Succo di limone o di lime: Questi agrumi possono agire da coagulante naturale. Aggiungi il succo di un limone o di un lime al latte vegetale riscaldato e mescola delicatamente. Lascia riposare per 10-15 minuti affinché il latte si coaguli.
    • Aceto di mele: Puoi utilizzare l’aceto di mele come coagulante alternativo. Aggiungi una o due cucchiaiate di aceto di mele al latte vegetale riscaldato e mescola delicatamente. Lascia riposare per alcuni minuti.
    • Caglio vegetale: Il caglio vegetale è un coagulante comune per i formaggi vegani. Puoi acquistare il caglio vegetale in negozi specializzati o prepararlo a casa utilizzando enzimi vegetali come quelli presenti nei cardi o nel fico. Segui attentamente le istruzioni per l’uso del caglio vegetale.
  3. Solidificazione:
    • Riscalda il latte vegetale a fuoco medio-basso. Assicurati di non farlo bollire.
    • Aggiungi il coagulante scelto al latte riscaldato. Mescola delicatamente per distribuirlo uniformemente.
    • Lascia riposare il composto per alcuni minuti affinché il latte si coaguli. Osserva la formazione di grumi o di una massa compatta.
  4. Separazione del siero:
    • Una volta che il latte vegetale si è coagulato, dovrai separare il siero dal formaggio. Puoi farlo utilizzando una garza o un telo di mussola. Versa il composto coagulato sulla garza e lascia che il siero si scoli via. Raccogli i bordi della garza e stringili per formare un sacchetto contenente il formaggio.
  5. Pressatura e stagionatura:
    • Puoi dare al formaggio una forma specifica pressandolo leggermente. Metti il formaggio nel sacchetto di garza sotto un peso, come un libro pesante o un piatto con un oggetto sopra. Lascia il formaggio sotto pressione per alcune ore o per una notte per farlo compattare.
    • Se desideri ottenere un sapore più complesso e una consistenza più solida, puoi mettere il formaggio a stagionare. Puoi avvolgerlo nella garza e metterlo in frigorifero per alcuni giorni o settimane. Durante questo periodo, il formaggio svilupperà un sapore più ricco e una consistenza più ferma.
  6. Sperimenta:
    • Sperimenta con ingredienti e tecniche per ottenere una varietà di formaggi vegani. Puoi aggiungere ingredienti come aglio, erbe aromatiche, spezie, peperoncino o noci per arricchire il sapore del formaggio.
    • Esistono molte ricette online che offrono istruzioni dettagliate per la preparazione di vari formaggi vegani, come formaggi cremosi, formaggi a base di semi o formaggi fermentati. Puoi trarre ispirazione da queste ricette e adattarle alle tue preferenze.

Fare formaggi vegani richiede pratica e un po’ di pazienza, ma con l’esperimento e la pratica, puoi ottenere dei deliziosi formaggi vegani fatti in casa che soddisferanno i tuoi desideri senza l’utilizzo di prodotti lattiero-caseari. Buon divertimento nella creazione dei tuoi formaggi vegani!

 

Vuoi imparare a fare i formaggi vegani imparando tutto sull’arte della fromagerie vegetale? Dalla microbiologia, alla fermentazione, alla stagionatura alla conservazione, passando attraverso moltissime ricette dei formaggi più famosi!

SCOPRI IL MIO CORSO DI FROMAGERIE VEGETALE!

Martino Beria

Martino Beria

Chef

Martino Beria è chef, lievitista, innovatore di gastronomia, specializzato in cucina vegetale, lievito madre e fermentazioni. È laureato in Scienze e Cultura della Gastronomia e della Ristorazione presso l’Università di Padova, dove ha insegnato Progettazione del Cibo.